Tiramisù scomposto con pistokkeddos sardi, miscela cubana e mascarpone al caffè.

tiramisu-scomposto-con-miscela-cubana-botton-d'oro-e-mascarpone-aromatizzato-al-caffe

In alternativa al classico tiramisù, un modo originale per assaporare un buon caffè: Tiramisù scomposto con pistokkeddos sardi, miscela cubana e mascarpone al caffè. Cominciamo dalla crema!

Ingredienti per 6 porzioni
– 250g di mascarpone
– 2 uova
– 4 cucchiai di zucchero
– amaro al caffè, a piacere
– un pizzico di sale
Separiamo innanzitutto il tuorlo dall’albume.
Lavoriamo i tuorli con lo zucchero fino ad ottenere un composto cremoso a cui aggiungeremo una tazzina di amaro al caffè (andrà bene anche lo stesso caffè freddo e amaro). Aggiungiamo ora il mascarpone, mescoliamo e a piacere aggiustiamo con un altro pochino di liquore o zucchero.
A parte montiamo a neve gli albumi aggiungendo un pizzico di sale.
A mano o con lo sbattitore vi consiglio di aumentare piano piano la velocità e mantenere lo stesso verso durante il movimento.
Appena ottenuto un composto “fluffoso” (pare così si dica!) non facciamo smontare e uniamo gli albumi alla crema ottenuta in precedenza, aggiungendo man mano e mischiando i composti dal basso verso l’alto.
Mi raccomando la freschezza delle uova e una volta ottenuto il composto, lasciar riposare in frigo almeno un’ora.

Dopodiché non ci resta che piangere!  Scherzo, piuttosto armiamoci di buone materie prime e preparariamo un buon caffè!
In questo caso abbiamo utilizzato una miscela cubana consigliataci dal buon Giovanni, titolare del Botton D’oro a Rivisondoli e di cui spero presto di riuscire a raccontarvi (un’esperienza unica nella degustazione di caffè, che intanto  vi segnalo con quest’articolo scritto da un amico di Tavolo per 2, Andrea di Martino).
Quindi, nel frattempo che mettiamo la moka sul fuoco, riempiamo i bicchieri da servire con la crema di mascarpone e a piacere schegge di cioccolato fondente, per una nota croccante.
Serviamo con Pistokkeddos sardi e caffè appena fatto…rigorosamente caldo e amaro!

Montagna, abbuffate o grandi sciate?

Cosa posso aggiungere a questo week end?

tavolo-per-due-a-rivisondoli

Sciare è una cosa spettacolare…sei tu e la montagna! Da lassù vedi il mondo e ti dici, aspè che mo vengo a prenderti!
Di mio scierei dalle 8 fino alle 15 senza pausa! E lo faccio appena posso…sono una neofita dello sci e ne sono affamata. Amore a prima vista!
Siccome sono alle prime armi per me togliere gli sci, slacciare gli scarponi e fermarmi a pranzare con polenta, ricchi piatti di pasta, panini strabordanti, cioccolate calde e bombe è impensabile.
Non pensate quanto si bruci poi sciando! Soprattutto se siete dei provetti sciatori e quindi la fatica è minima, lasciate perdere le abbuffate nelle baite durante la mattinata, soprattutto se poi ci sarà quella serale dinnanzi al camino del proprio appartamento.

Personalmente faccio una ricca e varia colazione al mattino. Di sicuro c’è sempre frutta fresca e secca; poi vario ma mi piace aggiungere sia del dolce che del salato. Allora via a yogurt con muesli e miele; pane tostato con miele o marmellata e perchè no del pane tostato con prosciutto!
Durante la giornata un paio di soste soprattutto per bere qualcosa di caldo.Tè,caffè,se proprio siamo stati bravi anche una bella cioccolata ma solo quella!
Via libera ad un pò di frutta, ottima la banana, un pò di frutta secca tra mandorle ed uvetta quei mix energetici che già pronti in pratiche bustine sono perfetti da portare con se. perchè no una bella fetta fetta di crostata a marmellata però!!!
C’é anche da dire che puo’ risultare pericoloso mangiare molto e riprendere a sciare…siamo in piena digestione (e a ben vedere dai piatti che escono sarà anche bella pesante), il sangue affluisce prevalentemente allo stomaco riducendone la quantità ai muscoli che se vi devono portare su e giù tra le piste ne hanno bisogno! Quindi si crea un bel conflitto: digestione lenta, muscoli non efficaci…rischiamo di farci male!
Siamo lì per divertirci non per abbuffarci.
Lasciamo il godereccio della montagna a momenti di riposo no di attività!
Ah dimenticavo…Stiamo sempre facendo sport, cerchiamo di bere molta acqua anche se il freddo non ci fa venire molta voglia!

Metti un week end…a Rivisondoli!

Ci sono momenti in cui hai voglia di evadere, momenti in cui prepari la valigia, ti metti in macchina e trasferisci la tua vita altrove.
E allora metti un week end a Rivisondoli, 2 ore da Napoli, tanta tanta neve, piste aperte ma poco affollate,  uno chalet, gli amici di sempre e si, oltre al camino c’è di più… Il cibo! Proteine, carboidrati, carboidrati, proteine, un film,  un po’ di vino, tanto vino, due chiacchiere con gli amici, per poi ricominciare 🙂
A tavola la tradizione regna sovrana, la montagna pensa a regalarci quel tocco in piu’ di freddo e genuinità e mentre alcuni pensano al vino e al pane (e che pane li a Rivisondoli!), altri cucinano e semplicemente riscaldano le delizie che la mamma d’esperienza ci ha dato in dono.
Scontata e forse un po’ banale ma se le cose semplici a me riempiono l’anima e i veri valori io li ritrovo in queste occasioni.

rivisondoli-viaggio-e-cibo

Il film?
Bastardi senza gloria di Quentin Tarantino.
Non ha deluso le mie aspettative, bello, intenso, pieno di ironia pirandelliana e con un finale fiabesco…
e non perche’ tutti vissero felici e contenti, ma perche’ probabilmente, tutti avremmo voluto quel finale!
Se ancora non l’avete visto, beh fatelo 🙂

Un vino?
Un montepulciano d’Abruzzo, Colle Secco del 2009
…bottiglia numerata!
Buono e strong, questi i due aggettivi che mi viene da suggerire. E anche se ormai non amo piu’ particolarmente il Montepulciano,
l’ho davvero gustato, accompagnandolo con una tagliatella alla bolognese e ben 200g di arrosto di paranza!

vino-rosso-colle-ferro-montepulciano

Qualche piatto? Qualche, attenzione!
Salsiccia luganega al vino bianco
Patate novelle al rosmarino

Salsiccia e fagioli

In dispensa?
la-dispensa-di-tavolo-per-2-

Mozzarella di bufala casertana
Salame di cinghiale
Pane pizza stabiese
Prosciutto di Norcia
Mortadella col pistacchio