Risotto allo champagne e tartufo

risotto_tavoloper2

Ingredienti per 4 persone

· 500 ml di Champagne
· 100 ml di Chef Panna Classica
· 250 g di riso
· 20 g di burro
· 1 scalogno
· 1 brodo vegetale
· 1 piccolo tartufo nero
· sale

Fate appassire lo scalogno tritato con il burro, unite il riso e tostatelo, bagnate con lo champagne e fatelo evaporare. Tirate il riso con il brodo, aggiungendone di tanto in tanto un mestolino e mescolando. Pulite il tartufo, ricavate da esso la parte superficiale, tritatela finemente e aggiungetela al risotto a cottura quasi ultimata. Unite la Chef Panna Classica, regolate di sale, mescolate e lasciate riposare un momento. Distribuite in superficie il tartufo rimasto a lamelle e servite.

Ricetta/contributo  Chef Parmalat

Filetto di coniglio ai carciofi

coniglio_tavoloper2

Ingredienti per 4 persone
· 4 carciofi
· 200 g di Chef Leggera Carciofi
· 2 filetti di coniglio
· 30 g di gherigli di noce
· 1 bicchierino di cognac
· succo di limone
· olio d’oliva extravergine
· sale e pepe

Rosolate in una padella con 2 cucchiai d’olio i filetti di coniglio tagliati a fette spesse, salate e pepate. Pulite i carciofi togliendo le foglie più dure, il fieno centrale, le punte e lessateli in acqua salata con un po’ di succo di limone. Scolate i carciofi dall’acqua di cottura e appena freddi apriteli leggermente. In ognuno di essi mettete una fetta di filetto, e disponeteli in una teglia oliata. Preparate ora la salsa mescolando la Chef Leggera ai Carciofi con il cognac, aggiungete i gherigli di noce precedentemente sminuzzati, il sale e il pepe. Coprite ora i carciofi con la salsa e cuocete in forno preriscaldato a 180° per 20 minuti. Servite.

Ricetta/contributo  Chef Parmalat

Frollini al mais o decorazioni da mangiare sotto l’albero?

frollini

Ingredienti:
250 gr di farina di mais gialla (quella per la polenta x intenderci)
150 gr di farina 00
2 uova
120 gr di burro salato
110 gr di zucchero di canna
Un cucchiaino di lievito

In una ciotola unite tutti gli ingredienti ed impastate bene fino ad ottenere una pasta liscia e morbida e gialla.
Stendete la frolla e ricavate i biscotti della forma che preferite
In forno a 180° per 10 minuti.
Ottimi come palline da appendere all’albero, o come portatovaglioli magari per un te pomeridiano.
Oltre ovviamente ad inzupparli nel latte a colazione ^_^

frollini2

Crudité di carciofi con julienne di seppia.

carciofi_tavoloper2

Il trainer x la vigilia consiglia: crudité di carciofi con julienne di seppia.
Prendete dei bei carciofi (magari di Schito!) tagliatene la punta, togliete le foglie esterne, ripulite ed accorciate il gambo.
Tagliateli poi sottilissimi e metteteli a marinare nel succo di limone.
Lessate a parte le seppie e tagliatele poi alla julienne.
Preparate intanto un trito di prezzemolo da aggiungere ad olio extra vergine d’oliva,  sale e aglio privato dell’ anima.
Sgocciolate  dalla marinatura i carciofi e disponeteli al centro del piatto.
Adagiatevi su la julienne di seppia e condite il tutto con il pinzimonio di prezzemolo.

Bon apetit, antipasto light e saporito!!!

Ingredienti:
Carciofi
Succo di limone
Seppie
Prezzemolo
Olio
Sale
Aglio

Salmone al cartoccio

ricetta_salmone_al_cartoccio_di_tavoloper2

Prendete un bel trancio di salmone  ed adagiatelo in un foglio di carta forno. Aggiungete del sale rosa dell’Himalya (io ormai uso solo quello come sale da cucina) dei semi di finocchietto ed un pò di barba di finocchio fresco, i ciuffetti più verdi e teneri.

sale_rosa_himalaya

Tagliuzzate un pò di cipollina fresca, non deve essere molto aggressivo come sapore, una macinata di pepe fresco (fate vobis, sulle diverse tipologie di pepe sono all’oscuro per il momento) ed un goccetto di vino bianco o un filo d’acqua giusto per non farlo seccare. Richiudete il saccoccio ed riponete in forno già caldo a circa 200°. Cuocete per circa 15 minuti avendo cura d’abbassare la temperatura dopo poco. Poi sono onesta io col forno che uso praticamente sempre sono molto a sensazione. Sento l’odore e vedo lo stato dei cibi e mi rendo conto della cottura. E poi come si dice…ogni forno è diverso!

Vicino cosa potete aggiungere? Un pò di riso basmati o riso rosso o perchè no, nero, semplicemente bolliti ed una bella insalata di finocchi che riprende la spezia usata per il salmone. Qui potete usare l’olio come condimento.

Ovviamente con lo stesso metodo potete insaporire il salmone con altre spezie o erbe ed ancora anzicchè cuocerlo nel cartoccio viene benissimo anche in una pirottina da forno…l’importante è non aggiungere olio! Il salmone è un pesce molto grasso e rilascia abbondantemente il suo grasso durante la cottura per questo resta molto morbido e saporito anche senza olio!

Buon appetito…con salute e qualità 😀

Chicchirichi

Chicchirichì - Negretto - Moretto

Diverse le marche in circolazione, qualcuno lo chiama negretto, altri non osano considerarlo.
Per me e’ Chicchirichi’, e da piccola e da grande,  ogni tanto ci sta… Ha il sapore dell’ infanzia, dei ricordi in un pomeriggio di cazzeggio 🙂
Gourmet, sapori tradizionali, cucina sana, intolleranze, il sale particolare, l’olio dop, che meraviglia il mondo enogastronomico ma linciatemi pure se ammetto a voce alta che  per me il gusto e’ anche questo, una discesa negli inferi: chicchirichi’ insano, di qualita’ discutibile, ok, ma che ci posso fare…a me, mi piace!

Ps. mi son sempre chiesta, ma al Nord u Chicchirichi u sann?

Metti un week end…a Rivisondoli!

Ci sono momenti in cui hai voglia di evadere, momenti in cui prepari la valigia, ti metti in macchina e trasferisci la tua vita altrove.
E allora metti un week end a Rivisondoli, 2 ore da Napoli, tanta tanta neve, piste aperte ma poco affollate,  uno chalet, gli amici di sempre e si, oltre al camino c’è di più… Il cibo! Proteine, carboidrati, carboidrati, proteine, un film,  un po’ di vino, tanto vino, due chiacchiere con gli amici, per poi ricominciare 🙂
A tavola la tradizione regna sovrana, la montagna pensa a regalarci quel tocco in piu’ di freddo e genuinità e mentre alcuni pensano al vino e al pane (e che pane li a Rivisondoli!), altri cucinano e semplicemente riscaldano le delizie che la mamma d’esperienza ci ha dato in dono.
Scontata e forse un po’ banale ma se le cose semplici a me riempiono l’anima e i veri valori io li ritrovo in queste occasioni.

rivisondoli-viaggio-e-cibo

Il film?
Bastardi senza gloria di Quentin Tarantino.
Non ha deluso le mie aspettative, bello, intenso, pieno di ironia pirandelliana e con un finale fiabesco…
e non perche’ tutti vissero felici e contenti, ma perche’ probabilmente, tutti avremmo voluto quel finale!
Se ancora non l’avete visto, beh fatelo 🙂

Un vino?
Un montepulciano d’Abruzzo, Colle Secco del 2009
…bottiglia numerata!
Buono e strong, questi i due aggettivi che mi viene da suggerire. E anche se ormai non amo piu’ particolarmente il Montepulciano,
l’ho davvero gustato, accompagnandolo con una tagliatella alla bolognese e ben 200g di arrosto di paranza!

vino-rosso-colle-ferro-montepulciano

Qualche piatto? Qualche, attenzione!
Salsiccia luganega al vino bianco
Patate novelle al rosmarino

Salsiccia e fagioli

In dispensa?
la-dispensa-di-tavolo-per-2-

Mozzarella di bufala casertana
Salame di cinghiale
Pane pizza stabiese
Prosciutto di Norcia
Mortadella col pistacchio

Salsiccia luganega al vino bianco

Salsiccia luganega al vino bianco
(Semplice e assai saporito)
Mettere in una padella antiaderente un filo d’olio extra vergine d’oliva, uno spicchio d’aglio e a fiamma lenta, far soffriggere leggermente.
Quando l’olio sara’ abbastanza caldo, mettere le salsicce, spruzzarci un po’ di vino bianco e coprire il tutto con un coperchio.
A meta’ cottura, aprire con un coltello la pancia della salsiccia e aggiungere un po’ di rosmarino, se gradite.
Lasciare cuocere ancora per un po’ col coperchio.
Quasi a fine cottura, togliere il coperchio lasciare ancora rosolare per un po’ nella padella prima di toglierle.

salsiccia_al_vino_bianco_tavolo_per_2
(f.to dal web)

Ingredienti:
Salsiccia luganega (o Cervellatine)
Aglio
Olio extra vergine d’oliva
Rosmarino
Vino bianco