La dieta dei 5 colori


dieta-dei-5-colori-tavolo-per-il-2

Finalmente Primavera!
…non troppo caldo, non troppo freddo, decisamente la stagione migliore 🙂
Alberi, piante, fiori, colori, ovunque e’ un rifiorire, comprese le nostre amate bancarelle al mercato!
Fragole, nespole, carciofi, piselli, fave, ravanelli,asparagi, fave…una grande varietà di verdure e frutta e un tributo di colori, sapori e salute!
Mai sentito parlare della “dieta dei 5 colori” ?
Sostanzialmente nasce dalla raccomandazione dei nutrizionisti di consumare almeno 5 porzioni tra frutta e verdura al giorno.
Studi successivi hanno scoperto che le sostanze responsabili del colore degli alimenti sono importantissime per il funzionamento del nostro organismo quindi le 5 porzioni sono diventate 5 porzioni di colore diverso ma contemporaneamente nel piatto così d’assumere tutti gli antiossidanti necessari a difendere il nostro corpo da invecchiamento e patologie.

Ma vediamoli in dettaglio quali sono questi colori e sostanze relative :

– ROSSO: pomodori, ciliegie, fragole, ribes rosso, ravanelli ecc,
Ricchi di antocianine e licopene, pigmenti che favoriscono il drenaggio dei liquidi e rinforzano l’apparato vascolare, e di acido ellagico, un potente antiossidante.

– GIALLO/ ARANCIONE: carote, zucche, albicocche, arance, nespole, ecc,
Contengono betacarotene e flavonoidi proteggono la vista, prevengono l’invecchiamento cellulare e rinforzano il sistema immunitario

– BIANCO:  cavolfiori, aglio, cipolle, pere, mandorle ecc,
Garantiscono un apporto di quercitina,flavonoidi,potassio e selenio aiutano a combattere  efficacemente il colesterolo cattivo e l’ipertensione arteriosa mantenendo la fluidità del sangue, oltre ad avere effetti benefici sul tessuto osseo

– VERDE: cavoli d’ogni tipo, di bietole, spinaci, broccoli, cicoria, rucola, ma anche di legumi come fave e piselli
Ci mettono a  disposizione clorofilla, carotenoidi, magnesio, acido folico e polifenoli che aiutano a rinforzare i vasi sanguigni, le ossa ed i denti, favoriscono il drenaggio linfatico e possono migliorare la funzionalità del sistema nervoso

– VIOLA:  melanzane, fichi, uva nera, mirtilli, prugne, contengono antocianine, potassio e magnesio
Combattono la fragilità capillare ed aiutano a prevenire l’aterosclerosi,aiutando a migliorare la memoria.


Idee all’insalata

E allora come si fa?
Via libera ad insalatone fresche con l’aggiunta di legumi, cereali e frutta secca ottime per un pranzo fuori casa o con poco tempo.
Ingredienti:
SONGINO
FINOCCHI
CAROTE
MELANZANE
PEPERONI ARROSTITI
STRISCIOLINE DI SEPPIA ARROSTITA (se non volete il più classico petto di pollo )
NOCI
il tutto condito con poco sale, aceto balsamico ed olio E.V.  e con affianco una cupolina di riso rosso semplicemente bollito ed anch’esso condito con un pò d’olio.

Oppure possiamo scegliere delle più serali minestre o passati ma senza fare le cose difficili andrà benissimo anche un mix di verdure semplicemente lesse.
Un pò di fantasia ed una sfida che vi permetterà di mangiare molta più verdura del solito.
Una sfida che sa soprattutto di bambino!
Facile da seguire, bella da vedere e buona da mangiare.
GIVE  ME  FIVE and…
Buon appetito!

 

Dopo i 30, 10 chili in 10 anni.

il-personal-trainer-consiglia-attivita-fisica

Lo so che siamo qui per parlare di cucina e scambiarci esperienze (talvolta esperimenti) enogastronomiche, e pur confermando  che il 70% di un programma di remise en forme è dato dall’alimentazione,  in quanto personal trainer ho l’obbligo morale di ricordarvi una cosa importantissima e basilare, panacea per molto mali…MOVIMENTO.
Il nostro corpo non è fatto per stare seduto ad una scrivania, in macchina, a tavola o steso su di un divano! Al contrario, e allora spostiamoli sti tavoli e divani !!
Scegliamo l’attività che più ci piace, le persone con cui preferiamo passare il nostro tempo, la musica preferita e facciamola diventare un’occasione per fare sport e bruciare calorie.
Niente più scuse insomma.
Mettere su chili è facilissimo,ve ne sarete accorti..perderli è dura!
Secondo studi scientifici dopo i 35-40 anni si prendono all’incirca 10 kg in 10 anni….praticamente  1 Kg all’anno, poco meno di 100 gr. al mese ( in soggetti che non stravolgono le loro abitudini alimentari)
Messa così la cosa non desta stupore, siamo abituati a vedere di continuo oscillazioni sulla nostra bilancia ma certamente se la vediamo in prospettiva, 10 sono tanti!
Cosa accade? Cosa Cambia?  La risposta e’ semplice: Noi,il nostro corpo…il nostro metabolismo in primis.
Non possiamo pensare che a 40 anni senza fare alcuna attività fisica il nostro metabolismo, e quindi la quantità di calorie che bruciamo, possa essere lo stesso che a 30. Poi se a questo agigungiamo stress e impegni che si moltiplicano, l’unica cosa che ci resta da fare insieme ad una sana alimentazione, è l’attività fisica.
Camminate, andate in bici, fate delle passeggiate in montagna, salite semplicemente le scale di casa, non vi dico di fare le maratone ma non state fermi!
Rivolgetevi a un Personal Trainer se avete dei dubbi o delle problematiche,  ma intanto… MOVIMENTO, la salute vi attende!

Pausa pranzo, il trainer consiglia

consigli-del-personal-trainer-da-tavoloper2
La maggior parte dei clienti che alleno pranzando spesso fuori casa, lamenta difficoltà nel seguire un regime alimentare corretto.
Menù che tentano, fritti che richiamano, tempo che stringe… e allora? E’ davvero impossibile salvaguardarsi dallo street food e dalle insidie dei ristoranti?
No! NO soprattutto se partiamo dal presupposto che e’ essenzialmente un problema di pigrizia, perché basterebbe organizzarsi e la cosa più semplice sarebbe quella di portarsi il pranzo da casa; magari anche non tutti i giorni, ma almeno provarci per guadagnarci in salute…per stomaco e tasche!
Abbandoniamo pizzette, calzoni, tramezzini e simili: calorie e  grassi in eccesso che gonfiano ma non saziano, lasciandoci di li a poco, ancora col senso di fame.
Per non parlare poi della sonnolenza che portano stando alla scrivania!
Quindi, non aboliamoli ma almeno scegliamo quelli giusti e usiamoli nel modo giusto.
Cereali (orzo, farro, grano, avena), condimenti leggeri a base di verdura, olio extravergine d’oliva aggiunto a crudo e per completare, un po’ di proteine.
Pasto completo vi starete chiedendo? Si, esattamente, ma con le quantita’ giuste!
Un pasto equilibrato in carboidrati proteine e grassi, scegliendo soprattutto carboidrati a basso indice glicemico, è il trucco per mantenersi in linea e soprattutto leggeri.
Un panino se si ha poco tempo o semplicemente perché ci piace, anche quello può essere una giusta soluzione. Scegliamo quindi del pane possibilmente integrale o di segale e poi le stesse regole di prima: un pò di verdura, dell’olio extra vergine d’oliva e delle proteine.