Sapevi che…alcune forme di ansia e depressione dipendono dal tuo intestino?

intestino-salute-e-benessere-a-tavola-blog-tavolo-per-due Abbiamo già parlato dell’importanza della depurazione del fegato per avere un corpo sano ed in forma (v.di articolo). Obiettivo irraggiungibile però, se non si abbina una buona funzionalità dell’intestino, il  secondo cervello del nostro corpo! Pensateci bene: quante volte dopo un’arrabbiatura o delle situazioni di forte stress vi siete ritrovati con l’intestino gonfio? Piuttosto avete avuto problemi di stipsi? Vogliamo ricordarci delle imbarazzanti sensazioni prima di qualche esame importante o partita decisiva? Ebbene si, questo succede perché l’intestino è dotato di un sistema nervoso (enterico) costituito da una fitta rete di neuroni che ricevono segnali e inviano stimoli in seguito alle sensazioni e stati d’animo registrati sia internamente che dall’esterno. Questo sistema è costantemente in contatto con il sistema nervoso centrale attraverso il nervo vago che invia informazioni dall’intestino al cervello. Funziona in maniera autonoma regolando eventi come la peristalsi, la digestione, le secrezioni o il regolamento del PH intestinale. Addirittura si ipotizza che problematiche intestinali possano portare a sviluppare alcune forme di ansia o depressione. L’intestino accoglie una vasta popolazione di microrganismi , FLORA INTESTINALE (microbiota) che determina lo stato di salute dell’intestino ma del corpo in generale,  regola la funzionalità del tratto gastrointestinale e ci difende dagli agenti esterni mettendo in preallarme il resto del corpo circa la possibilità di un pericolo attuando così tutte le difese necessarie. Una buona flora batterica quindi è fondamentale per un corretto funzionamento dell’intestino. Le problematiche intestinali che si possono manifestare sono diverse si va dalla diarrea, alla stipsi, ma anche alla candidosi o al più banale meterorismo passando per la malattia del millennio la celiachia! Con calma, e se vorrete, vi darò i consigli alimentare per ogni fastidio ma in generale per una buona funzionalità intestinale vi lascio i consigli della nonna :
– Alimentazione sana, ricca di verdura e frutta di diverso genere, legumi, povera di zuccheri raffinati e grassii animali ed idrogenati (questi MAI). Prestando attenzione alle cotture ed evitando gli eccesi di proteine e pasti pesanti che facilitano l’accumularsi delle scorie
– Bere molta acqua, aiuta a mantere la giusta composizione delle feci e una buona motilità intestinale
– Assumere probiotici, soprattutto inseguito all’assunzione di antibiotici,dopo periodi di forte stress e fatica,ai cambi di stagione o anche dopo periodi di stravizi alimentari
– Fare una leggera e costante attività fisica, per migliorare la circolazione, la motilità intestinale, il metabolismo. Le pareti intestinali sono tra le altre composte dalla tonaca muscolare e l’inattività è nemica di tutti i nostri muscoli non solo di quelli scheletrici
– Scaricare stress e forti emozioni; cercare attività come meditazione, yoga o più semplicemente concedersi dei momenti per se stessi,nelle attività che più ci piacciono per riuscire a rilassarci ed allontanarci dai problemi di vita quotidiana. Insomma, regole generale di vita per le quali il vostro intestino e non solo, ringrazieranno!