Food impression e indirizzi di gusto a New York

tavoloper2-blog-cucina-new-york-buitoni-contest-hamburger

New York, patria indiscussa dello street food e dove realmente si può mangiare a tutte le ore del giorno e della notte, in qualsiasi posto, con l’imbarazzo della scelta. Dalla colazione allo spuntino notturno, dal fugace pranzo consumato in metro alla cena elegante in quel di Soho, correndo verso un aperitivo in riva al lago o affacciati all’ennesimo piano di un grattacielo.
Questa è New York e nella fattispecie Manhattan, un susseguirsi di cibo ad ogni angolo e marciapiede; cosmopolita, libera e paradossale anche nel food, dove tra i mille odori di etnie che la abitano, il cibo healthy affianca senza alcuna discriminazione quello definito spazzatura.
Dal papà di tutti, signor hamburger alto e succulento, con prole a seguito, patate fritte e onion rings croccanti; ecco che spunta un camioncino pronto a sopperire ai sensi di colpa con centrifugati di frutta fresca e verdura. Ritroviamo poi il cugino hot dog, rigorosamente in comitiva con cipolla e mostarda che però a New York convive pacificamente con cruditè e piatti vegani, sposati dal gigante buono della pizza, in combutta con Coca Cola e le centinaia e centinaia di bibite gassate vaganti in ogni punto della città. (Ma non abbiate preoccupazione alcuna, l’acqua c’è, esiste e in molti punti è anche potabilmente fornita da fontane pubbliche).

tavoloper2-blog-cucina-new-york-buitoni-contestchelsea-market

Riso, quinoa, insalata o amaranto? Perché no, il tempo di un muffin innafiato da Frappuncino, dopo la mitica colazione a base di Pancakes, succo d’acero, uova fritte, french toast e bacon, ed eccomi nel paradiso sceso in terra: Chelsea Market, il regno incontrastato di sushi, aragoste e permettetemi di aggiungere, della Sarabeth ‘s cheesecake.
Ma come tutte cose belle, anche quest’avventura è finita ed è tempo di andare.

Il Signor Buitoni ci riporta a casa, con qualche chilo in più ma con la consapevolezza che una gran fetta di mondo, almeno quella a tavola, l’ho ritrovata qui, come ad una gran rimpatriata nel giorno di Pasquetta.

Alcuni indirizzi da non perdere:

Lupa Restaurant
Greenwich Village, 170 Thompson Street
Osteria romana di Joe Bastianich >>Read more

The Lobster Place
Chelsea Market – 75 9th Avenue (tra la 15th e la 16 Streets)
Un’eccellente selezione di pesce fresco ad ottimi prezzi. Qui è possibile far la spesa o consumare un pasto veloce quanto gustosto, a base di sushi piuttosto che di fantastiche aragoste se vi va!

Artichoke Basille’s Pizza
East Village (328 East 14th Street )
Chelsea (114 10th Avenue)
Greenwich Village (111 MacDougal Street)
Fantastica la loro pizza ai carciofi ma attenti alle quantità, le fette sono enormi!

DuMont Burger
314 Bedford Ave, Brooklyn
Attraversate il ponte a piedi, fate un giro appena arrivati a Brooklyn e con un taxi, attraversando il quartiere ebraico, arrivate fino al Dumont , tra il fascinoso e il vintage. Non perdetevi questo meraviglioso hamburger!

The Loeb Boathouse Central Park
Consigliato la domenica a pranzo, dopo un giro in barca per un aperitivo tutto new yorkese!

 Sarabeth’s Bakery
Chelsea Market – 75 9th Avenue (tra la 15th e la 16 Streets)
L’esperienza dolce new yorkese: ottimi i suoi pancakes, divina la sua cheesecake!

La parisienne coffe house
910 7th Ave
Consigliatissima colazione americana!

Annunci

La colazione: dolce o salata?

breakfast_tavolper2

Dolce o salata? Primo dubbio!
Da un punto di vista nutrizionale la colazione salata è migliore ma attenzione, salata non vuole pizzette o panini ripieni di tutto. Proprio come dolce non vuol dire cornetti,briosce,torte e merendine!
Se dobbiamo stare in salute dobbiamo eliminare tutto ciò ch’è raffinato come le farine e lo zucchero ed andare su ciò ch’è naturale ed il meno trattatto possibile.
Personalmente ormai preferisco la colazione salata anche se da italiana, nasco e cresco come sostenitrice della dolce , non credendo che al mattino si potesse mangiare altro…mi dicevo: stai li, ancora dormendo con gli occhi mezzi chiusi! Come puoi non prediligere cioccolata, crema, marmellata e dolcezze varie? Certo, esisteva un’ eccezione, quello della domenica mattina… ti sveglia l’odore del ragù e prima ancora di capire che ore sono, sei già in cucina col pane azzuppato nella pentola! Ma questa è un’altra storia…
Ritorniamo a bomba..
La mia conversione è avvenuta in un’estate di 4 anni fa in Grecia, quando persa una scommessa, delle amiche mi obbligano a fare colazione con uova, bacon, salsiccette ed altro. Sarà stato anche complice l’orario non proprio di prima luce, ma non l’ho trovata poi così male!
E allora perchè non riprovare? Ovviamente non proprio tutti quegli ingredienti ed assolutamente no quelle cotture…

Spremuta d’arancia o più semplicemente un kiwi o un’arancia fresca

Pane tostato con un filo d’olio extra vergine
Generalmente lo mangio solo a colazione, rigorosamente tostato e fatto solo con lievito madre. Se poi trovo quelli con farine particolari macinate in pietra, integrali, semi di vario genere impazzisco… e vi assicuro che caldo al mattino con quel filo d’olio è buonissimo! In sostituzione al pane uso quello nero a fette di segale, ch’è senza lievito.

Un pò d’affettati (completamente sgrassati)
Qualche volte m’è capitato di sostituire gli affettati con un uovo al tegamino ma lo ammetto non era la colazione delle 6 del mattino!

Una manciata di frutta secca, meglio mandorle o noci di macadamia (ovviamente non salate)

Ora passiamo al dolce, e qui ci sbizzareremo un pò di più!
Cominciamo col dire che da anni ho ormai abbandonato il latte, non ne sento la mancanza e il mio intestino sta decisamente meglio. Poi se raramente capita di berlo, non ho nemmeno più grandi fastidi.
In sostituzione uso del latte di soia, ce ne sono una paio di marche che trovo molto buone di sapore. (NO VALSOIA!) lo accompagno con dei fiocchi d’avena o del pane tostato che velo con del miele o della marmellata senza zuccheri aggiunti.

Altrimenti come fonte proteica scelgo della ricotta fresca di fuscella (o cestino) oppure dello yogurt magro greco (…mannaggia a quella vacanza!!!)
Dentro ci metto di tutto:
Miele (adoro quello di castagno), fiocchi d’avena, frutta fresca a pezzetti e frutta secca! Una bontà!!!

Ecco un paio di ricette da provare, con la ricotta o con lo yogurt:
classica invernale yogurt o ricotta con miele, mela annurca ( la mia preferita) una spolverata di cannella e mandorle a filetti tostate;
sempre d’inverno provate a metterci quei croccanti chicchi che solo il melograno sa dare…colazione con antiossidanti 🙂
oppure più estiva con fragole, miele e noci o ancora i mirtilli ci stanno benissimo.

Ancora, dopo una bella corsa o dopo un lungo giro in bici, ho aggiunto la banana ed è buonissimo!
A volte ho provato con il kiwi ma è troppo aspro con la yogurt e con il miele non migliora!!!
Cmq, volendo concludere il mio consiglio, dolce o salata che sia la vostra mattinata iniziatela alla grande con una bella e sana colazione!
Meglio 5 minuti in meno di sonno che 5 cm in più sul girovita!!!

E come vedete il nostro 5 ritorna!!! 🙂