Zuppa di batata,cannellini e funghi

zuppa-batata-cannellini-funghi-tavoloper2

Batata??? No, non è un errore di battitura piuttosto un dimenticato e poco usato vegetale di cui parlemo più avanti e che oggi utilizzeremo per una ricetta semplicissima, dettata dal freddo di questo giorni e suggerita dal sapore che ha la batata, almeno per me 😉 All’assaggio, mi ha ricordato il sapore delle castagne crude e subito il pensiero è andato ad una zuppa che fanno nell’avellinese con fagioli e castagne!

Vediamo innanzitutto cosa ci serve:

  • una batata di media grandezza;
  • fagioli, io ho usato i cannellini;
  • funghi porcini;
  • una patata piccola;
  • brodo vegetale o acqua;
  • aglio;
  • peproncino;
  • prezzemolo;
  • sale;
  • olio EVO

La preparazione è quella di una classica zuppa, nulla di complesso.
La sera prima mettiamo a bagno i fagioli, che poi lesseremo in abbondante acqua salandola solo verso la fine.
La batata (di cui si può consumare anche la buccia dopo averla spazzolata bene) va tagliata a cubetti e fatta rosolare in pentola con olio, uno spicchio d’aglio e peperoncino. Io come d’abitudine non faccio mai soffriggere molto l’aglio nell’olio ed aggiungo sempre un altro liquido.

Dopo qualche minuto aggiungiamo la patata (ne basta poca,giusto per addensare la zuppa) tagliata anch’essa a cubetti ed allunghiamo con un liquido caldo. Regoliamo di sale e facciamo bollire a fuoco non molto alto.

Nel frattempo lasciamo rinvenire i funghi in acqua calda, se li avete freschi siete dei fortunati ma quelli secchi andranno benissimo ugualmente.

Aggiungiamo i funghi alla zuppa, i fagioli ed allunghiamo con altro liquido.

Una parte dei fagioli volendo si può anche frullarla per ottenere una cremosità maggiore ma in questo caso vi consiglierei di aggiungerla verso la fine della cottura.

Continuiamo ad aggiungere liquido caldo finchè non vediamo che la zuppa è pronta, addensata e cremosa. Verso fine cottura aggiungiamo del prezzemolo tritato. Anche in questo caso potete scegliere se cambiare l’erba aromatica ed un’altra aggiunta che si potrebbe fare sono dei pomodorini schiacciati per dare ulteriore sapore e colore alla zuppa.

Terminata la cottura serviamo la zuppa calda calda aggiungendo dell’altro prezzemolo ed un giro d’olio a crudo.

Come la mangerei? Davanti ad un bel caminetto, con un bel bicchiere di vino rosso e dei crostini di pane nero ( e non intendo quello ai carboni!)  o dei crostini di polenta!
Il freddo così di sicuro non ci spaventa 😉
Buon appetito.