Liquore al finocchietto

Settembre 2013- pisquina e barbecue 054

Ricordi di fine estate…
Una bella giornata di fine agosto,  Agerola, Sentiero degli dei…
Prima tappa obbligatoria, caseificio. Qui in zona ce ne sono diversi e hanno tutti della mozzarella buona per preparare la nostra marenna: pane integrale tipico del posto, fiordilatte e pancetta…the best!
Nel nostro zainetto: acqua in abbondanza, un paio di forbici e delle buste di carta tipo quelle del pane.
Immancabile la macchina fotografica pronta, perchè il panorama è di quelli che ti mozzano il fiato…
Inizia cosi, la nostra esperienza col finocchietto.

La raccolta
Ai primi terrazzamenti, dopo circa un 20′ di cammino, ci fermiamo ed annusiamo…ecco quello selvatico!
Prendiamo i ciuffi di finocchietto delle piante con ancora semi chiusi, facendo ben attenzione agli insetti vari che spesso ci si ripongono.
Il periodo consigliato e’ sempre fine estate, fine agosto, inizio settembre (e qui dipende molto dalle temperature estive! )
Cercando pero’ di  non andare troppo presto e non certamente dopo San Gennaro.

finocchietto_raccolta

La ricetta, parte I
Ci serviranno innanzitutto, alcool puro per uso alimentare e dei grandi contenitori a chiusura ermetica, in vetro.
Sciacquiamo subito i nostri ciuffetti non con l’acqua bensì  in un recipiente con l’alcool.
In un recipiente a parte, mettiamoli  in infusione, considerando circa un litro di alcol per 30 ciuffi.
Chiudiamo bene il contenitore e riponiamolo al buio, dove resterà in infusione per circa 45 gg, avendo cura di rigirarlo ogni giorno ( basterà  semplicemente scuotere il contenitore).

finocchietto-ricetta

La ricetta, parte II
finocchietto

Passati i 45 gg , ci procureremo dei filtri di carta.
Apriremo i contenitori messi a riposare, elimineremo i ciuffi di finocchietto che avranno scaricato tutto il loro profumo e colore, e filtreremo il liquido verde dai riflessi dorati.
Uno spettacolo per occhi e narici!
Una volta filtrato il tutto,  a parte mettiamo sul fuoco una pentola con acqua zucchero.
Lasciamo sciogliere lo zucchero a fiamma molto dolce mescolando continuamente.
L’acqua non dovrà mai bollire.
Una volta sciolto lo zucchero, lasciamo raffreddare e aggiungiamo l’alcool al finocchietto!
Mescoliamo bene ed ora non ci resta che riempire le nostre bottiglie, che restano a riposare ancora per un paio di settimane.
Dopodiche’, rigorosamente in frizer, sempre pronto per essere servito.
Il nostro sara’ pronto  per Natale!
🙂

Annunci