Radicchio rosso, cipolla e pinoli

cipolla-rossa-di-tropea-tavolo-per-2

Veloce e saporita!
Affettate un bel pò di cipolla, ci vedo bene una cipolla di tropea.
In una padella, facciamo riscaldare dell’olio extra vergine d’oliva, aggiungiamo la cipolla, i pinoli e facciamo rosolare un pò.
Quando i pinoli saranno tostati e le cipolle appassite, aggiungiamo il radicchio tagliato molto sottile e a fiamma viva, lasciamolo cuocere per pochi minuti, regolando di sale.
Per questa ricetta va bene sia il radicchio di chioggia che il trevigiano.

Ingredienti
Cipolla rossa di tropea
Pinoli
Radicchio
Oli extra vergine d’oliva
Sale

La scarola Imbottita ….come si fa a Napoli :-)

scarola_imbottita

Per tradizione, il giorno della vigilia di Natale e Capodanno a casa mia si mangiano le scarole imbottite (e …nun sia mai mia madre non le prepara!)
Da svampita quale sono, seguo attentamente ogni passaggio e mi cimento ad imparare e soprattutto a mangiare.
La scarola è da sempre un piatto povero ma come tutte le cose povere ha un sapore unico ed inimitabile.
Il procedimento è semplice e veloce.

Ingredienti :
Scarola (riccia è quella ideale)
Olio evo
Sale
Pepe
Peperoncino
Aglio
Pinoli
Uva Sultanina
Acciughe
Capperi
Olive di Gaeta

Lavate accuratamente la scarola e lasciatela sgocciolare.
Apritela bene con le mani e condite con tutti gli ingredienti di cui sopra: acciughe, pinoli, capperi, olive di Gaeta, uva sultanina, aglio sminuzzato, un filo di olio extra-vergine d’oliva, sale, pepe e se gradite un po’ di peperoncino. Con molta cura legatele con lo spago.
Prendete una casseruola dai bordi alti, versateci un ricco filo di olio e adagiate le scarole. Fate cuocere a fiamma bassa col coperchio.
Una vera bonta’ 🙂

Per ogni scarola, anche se noi di Tavolo per 2 prediligiamo il detto “vai ad occhio e a gusto”:
1/4 di aglio
4-5 chicchi di uvetta
4-5 pinoli
1 acciuga (se la scarola e’ grande, mettiamone un paio)
3 olive nere snocciolate
2-3 capperi (io li metto sciacquati, cosi mi regolo con altro sale e pepe)
Peperoncino secondo gradimento (a limite si puo’ far soffriggere direttamente nella padella insieme all’olio)

Patate novelle al rosmarino

(Contorno economico ma buono buono buono)
Preriscaldate il forno a 180-200°.
Lavate le patate novelle, asciugatele con un panno o un foglio di scottex, e non sbucciatele.
Prendete una teglia (cosi da servirle direttamente dopo la cottura), aggiungete meta’ dell’olio previsto (a vostro gusto) sul fondo della teglia, insieme a 1 o 2 spicchi di aglio tagliati a meta’.
Mettere le patate, cospargerle con ancora un po’ d’olio e aggiungere il rosmarino, precedentemente pulito lasciando solo gli aghi.
Mettete in forno e cuocete!
Sono sincera, la maga del forno non sono io, bensì  Francesca… Amante delle cotture sane, spesso ripropone piatti alternativi ripassati in forno e magari non fritti!!!
Ed onore al merito, ci sa fare. Quindi se ci sono dubbi sui vari forni, vi prego di scrivere a lei!

E sempre su suo suggerimento, al fine di facilitare la cottura e dare alle patate una croccantezza piacevola alla vista e al palato, prima di informare potreste sbollentarle un attimo,
in acqua leggermente salata (questa l’aggiungo io!)

patate-novelle-al-rosmarino-tavolo-per-2

Ingredienti:
Patate novelle
Aglio
Olio extra vergine d’oliva
Rosmarino