Elaborazioni alimentari e consumo critico: Paolantoni in mostra al Pan.

pane-al-pan-paoloantoni-al-pan
pan-palazzo-arti-napoli-tavoloper2-francesco-paoloantoni
Poliedrica macchietta partenopea, Francesco Paolantoni nasconde nei sorrisi un’anima d’artista che legge e reinterpreta con semplicità, un mondo fatto di ricordi, viaggi e passioni.
La Napoli di Totò ed Eduardo, l’Europa dei monumenti simbolo, una carriera da attore tra miti e capolavori, questi i soggetti che con una particolarissima tecnica a base di pane e coloranti naturali, come per esempio il rosso paprika o il verde basilico, Paolantoni realizza con mosaici che amo definire leggeri ma non banali. Proprio come lui, un uomo che ha dato alla sua arte un senso di condivisione e divulgazione che al Palazzo delle Arti Napoli sposa un messaggio di sensibilizzazione al consumo critico, rafforzato da un partenariato di rilievo, Regione Campania, Fondazione Polis e Unipan Unione panificatori campani,  che hanno presenziato al vernissage della personale dell’attore “Pane al Pan”, tenutasi questo week end a Napoli e che resterà in mostra fino al 30 novembre.

pane-al-pan-paoloantoni-al-pan-fondazione-polis

Un’originale performance di elaborazioni alimentari quindi, che sposa importanti tematiche sociali particolarmente sensibili sul territorio campano. Tematiche che abbiamo avuto modo di approfondire con il dott. Enrico Tedesco della Fondazione Polis, acronimo di Politiche Integrate di Sicurezza per le Vittime Innocenti di criminalità e i Beni Confiscati, costituita dalla Regione Campania come volontà di far fronte comune alle mafie in materia appunto di sicurezza, e che si occupa di valorizzare il riuso dei beni confiscati alla malavita. Una realtà di cui avremo modo di parlare e che trova spazio all’interno di questo evento con Unipan, una delle cooperative della fondazione, che ha tra gli obiettivi la coltivazione di grano campano in terre per l’appunto confiscate dalla camorra, in grado di fornire farina utile a portare in tavola il pane della legalità, alimento primario oggi ad appannaggio della malavita partenopea che per nulla tutela ed osserva le più comuni norme igieniche e di sicurezza.

pane-al-pan-paoloantoni-al-pan-addio-pizzo
Non da meno la presenza durante la conferenza stampa, dell’assessore alla cultura e al turismo del comune di Napoli, Nino Daniele, impegnato con l’associazione Antiracket e in particolare con un progetto dedicato al consumo critico “Addio Pizzo” che mi piacerebbe riassumere con questa definizione: “…L’estorsione è la madre di tutti i crimini perchè è funzionale a stabilire, consolidare ed estendere il governo sul territorio rappresentato da una strada, una piazza, un quartiere. Il pizzo è manifestazione della signoria territoriale di Cosa nostra sulla città…”
Un piccolo gesto, come quello di acquistare presso i negozi derackettizzati, piuttosto che aderire ad Addio Pizzo attraverso l’associazione, che permette ai cittadini di contribuire in maniera attiva nella lotta alla malavita.
Prossimamente l’intervista all’Assessore e la condivisione del suo ultimo libro proprio sul consumo critico.

Ringraziando chi ci ha permesso di essere presenti all’evento, Tavolo per 2 ribadisce il proprio sostegno ad iniziative tese allo sviluppo di una consapevolezza democratica in grado di cambiare il mondo o per lo meno non subirlo passivamente, a tavola come nella vita.

paoloantoni-in-mostra-al-pan-raffaela-di-capua-tavoloper2

paoloantoni-in-mostra-al-pan-mostra-tavoloper2

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...