Riso di Padova

il-vialone-nano-o-riso-da-padova-da-tavoloper2

Oggi, affacciandomi in dispenda, ho trovato…

ita È riconosciuto come presidio di Slow Food e per questo molto rinomato in Italia; il Riso di Grumolo delle Abbadesse è una speciale qualità di riso coltivata in Veneto (a Grumolo delle Abbadesse appunto) ed è conosciuto più comunemente come il riso di Padova.
La sua coltivazione è stata introdotta nel sedicesimo secolo dalle monache benedettine del convento di San Pietro di Vicenza, dette appunto Badesse. Ancora oggi, grazie all’azione di Slow Food, questo alimento viene prodotto secondo la tradizione. La sua caratteristica, dovuta alla particolare composizione del terreno ed alle acque in cui viene coltivato, è quella di gonfiarsi molto durante la cottura, assorbendo quindi i condimenti. Questa peculiarità lo rende perfetto per i risotti ed altri piatti tradizionali (ad esempio il riso con i bisi, il risotto ai fegatini, o quello con l’anguilla e i frutti di mare) anche se all’apparenza il chicco sembra molto piccolo.
Questa varietà detta anche Vialone nano, appunto per le sue dimensioni ridotte, è apprezzata in tutta Italia per molti piatti. Le badesse del convento furono le prime a bonificare il terreno costruendo canali di irrigazione che allagassero le risaie. Questi canali sono tutt’ora utilizzati (almeno in parte) per coltivare il riso di Padova e portano alle risaie le acque del fiume Tesina che era anche tradizionalmente utilizzato per il trasporto del prodotto finito. Oggigiorno le risaie sono utilizzate per la coltivazione di varietà di riso più richieste dal mercato (ad esempio il carnaroli) o cereali di diverso tipo (come il mais). Essendo poco richiesto il vialone nano occupa solo una percentuale minima del mercato del sito (circa un terzo del totale) ed è stato solo di recente rivalutato grazie al sostegno di Slow Food Veneto che sta cercando di rilanciare la storicità di questo prodotto che resta però ancora di uso locale o di nicchia.

il-vialone-nano-(2)-riso-da-padova-tavoloper2

eng It is recognized as a “presidio” of Slow Food, and for this is very famous in Italy and abroad; the Rice of Grumolo delle Abbadesse is a special quality rice grown in the Veneto region (in Grumolo delle Abbadesse of course) and is more commonly known as the rice of Padova. Its cultivation was introduced in the sixteenth century by the Benedictine nuns of the convent of San Pietro di Vicenza, popularly called Abbadesse. Even today, thanks to the action of Slow Food, this food is produced according to the old tradition. Its characteristic, due to the particular composition of the soil and the water in which it is grown, make it perfect to be used for specific dishes, they swell very well and thus absorb the seasonings enhancing the taste of the meal. This feature makes it perfect for risotto (such as rice with peas, risotto with chicken livers, or the one with the eel and sea foods), although apparently the grain looks very small it is much appreciated for these dishes. This variety, also called Riso nano del Vialone because of the small size, it’s appreciated in the Italian market. The Abbesses were the first to clear the land by building irrigation canals to flow the rice paddies. These creeks are still used (at least in part) to grow rice leading the waters of the river Tesina which was also traditionally used for the transportation of the finished product to the markets. Nowadays, the rice fields are used for the cultivation of rice varieties most in demand from the market (for example the Carnaroli rise or even grains of different types, such as corn). The Vialone nano occupies only a small percentage of the market request of rice (about one-third of the total) and it was only recently evaluated thanks to the support of Slow Food Veneto, which is trying to revive the historicity of this product.

Annunci

5 thoughts on “Riso di Padova

  1. I LOVE SAGRE!!
    E non solo per la valorizzazione dei prodotti del territorio…secondo me aprono il sipario su di una fedele rappresentazione di quel paese, fatto di sapori, atmosfere e volti meravigliosamente normali!

  2. Pingback: Il pepe verde | Tavolo per due

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...